Home Page > Dettaglio articolo


I LUPI SCONFITTI DA UN EUROGOL
Partita difficile, sofferta quella disputata sul campo infangato di Dronero. Più a loro agio i “draghi” ma i nerostellati hanno dimostrato di esserci. La rete decisiva su eurogol di Galfrè a tre minuti dalla fine.

PRO DRONERO – CHERASCHESE 1904: 1-0

42’st Galfrè

 

PRO DRONERO (3-5-2): Rosano, Rastrelli, Monge, Caridi, Olivero, Isoardi L., Brondino, Galfrè, Niang, Dutto, Sangare

A disp.: Giordanengo, Puleo, Rosso, Morgana, Toscano, Bonelli, Isoardi D.

All.: Dessena

CHERASCHESE 1904 (3-5-2): Nurisso, Costamagna, Capocchiano (46’st Sardo), Mazzafera, Prizio, Marchetti, Cornero, Pirrotta, Massucco, Celeste, Mogos

A disp.: Serra, Costa, olivero E., Nastasi, Bordone, Olivero A.

All: GianLuca Brovia

ARBITRO: Sig. Pette di Bologna

Assistenti: Sig Russo di Nichelino e Sig. Amelio di Torino

Ammoniti:Galfrè (PD), Prizio, Costamagna (Ch)

Recupero: pt.0’, st.1’

DRONERO: Un eurogol di Galfrè decide la sfida da alta classifica tra PRO DRONERO e la CHERASCHESE. La partita è stata a rischio fino all’ultimo a causa delle abbondanti piogge poi il campo ha “discretamente” retto l’acqua e il match ha potuto avere luogo nonostante la pioggia battente in tutto intero arco dei novanta minuti. Le due formazioni principe di questo girone di ECCELLENZA si affrontano per cercare di determinare quale deve poi comandare, stasera come all’andata sono i droneresi ad avere la meglio ma questo e per il momento lascia le possibilità inalterate ad entrambe per definirlo definitivamente in quanto mancano ancora 4 giornate alla fine in un percorso comunque ancora ricco di insidie. Quest’ultima sfida diretta la decide un gran colpo balistico a fronte di un match dove i padroni di casa hanno provato e osato di più, e questo in modo particolare nella prima frazione, mentre i nerostellati hanno saputo soffrire il giusto, rischiando qualcosina ma poi ne sono usciti da squadra e alzando baricentro e trovando anche giocate importanti hanno creato situazioni di pericolo dalle parti di Rosano. Chiaramente e tutto il mondo lo sapeva, in quelle condizioni di fondo del campo i ragazzi di Dessena partivano ampiamente favoriti grazie alle loro peculiarità, alle loro caratteristiche, ai loro allenamenti e al loro modo di fare calcio. I nostri “lupi” si sono presentati al “Filippo Drago”, intanto privi dei lungodegenti Atomei e Vittone e non è robetta da poco, comunque sfoderando una prova con coraggio e grande cuore reagendo alle avversità con uno spessore agonistico furente depositando il fioretto abituale inforcando la spada per puntarla dritto verso i suoi avversari. Il tecnico Brovia inizia inserendo Mogos al posto di Nastasi, chili e centimetri in mezzo al campo, abbassa il veloce Massucco dalle parti di Sangare e per il resto invariato cercando di fare male comunque con i cambi di ritmo e le ficcanti giocate di Celeste e Costamagna a destra, Capocchiano a sinistra e centralmente Cornero con i suoi tagli letali. Parte fortissimo la Pro, nel primo quarto mettono a ferro e fuoco la nostra retroguardia, ci provano con Dutto, Rastrelli e Sangare ma Nurisso e compagnia fanno quanto richiesto. Dalle parti di Rosano la Cheraschese si affaccia al 18’ quando Mazzafera mette radente ma prima Cornero e poi Massucco arrivano un filo in ritardo all’appuntamento della deviazione ravvicinata. I “draghi” ci mettono intensità e pressione, molte le palle alla ricerca di sponde con Niang e in una di queste arrivano alla conclusione con Rastrelli dove Nurisso si allunga e devia lontano. I minuti passano e i cuori nerostellati prendono meglio le misure e riescono ad allentare la presa procurando anche grattacapi e arrivando dalle parti Rosano con due diretti di Costamagna. Prima del thè caldo c’è ancora spazio ad un tiro a giro fuori bersaglio di Sangare. La ripresa ripresenta i nostri ragazzi rinfrancati, tonici e decisamente più agguerriti, la partita è aperta e tutto può succedere chiaramente le squadre, nonostante il campo dove nel frattempo è palesemente peggiorato, cercano di sbagliare pochissimo sono attente in tutte le fasi quindi le vere occasioni latitano. Comunque sin dai primi minuti si intuisce che la Cheraschese giocherà un’altra partita. Già al 50’ un tiro cross potente e perfido di Celeste viene allontanato in uscita da Rosano con sfera sui piedi di Capocchiano che di prima intenzione spedisce a lato. Un sobbalzo come pochi minuti dopo con Prizio, imbeccato su angolo di Pirrotta, sale di testa portandosi aggrappato alla sua maglietta mezza difesa dronerese con la sfera allontanata dalla linea da un difensore! Poi la sfida si inerpica, si aggroviglia, si contorce in mezzo al fango e all’acqua, la tensione tiene tutti all’erta, le giocate sono aperte a tutte le soluzioni e le mischie aumentano come quella a cavallo del 75’ allor quando la sfera ristagna, ballonzola davanti a Nurisso per un’infinità di secondi con l’incapacità totale di risolvere il pasticcio fino ad una scorticata di un difensore che mette in fallo laterale. Il calcio è questo ma il gioco del calcio è un’altra cosa. Comunque l’incontro prosegue nell’incertezza fino al minuto 83 quando Celeste si destreggia palla al piede e dal limite sfodera una bordata mancina che il sorpreso Rosano riesce a mettere via con una manata d’istinto. Mancano tre minuti alla conclusione della partita e la sfera viaggia alla tre quarti ora da una parte e ora dall’altra e il risultato pare indirizzato anche giustamente al pari e patta, invece arriva sulla soglia dei 30 metri a Galfrè che piazza un destraccio velenoso indirizzando la palla nel sette alla destra di Nurisso inutilmente proteso in volo. 1-0 che stropiccia gli occhi e capovolge lo stomaco. Fischio finale e vittoria della Pro Dronero che si porta in vetta alla classifica di due punti sui nostri ragazzi. Pensiero finale: cancellare immediatamente questo incontro e ripartire per cercare senza indugi il filotto nelle prossime ultime quattro partite poi le conclusioni matematiche le faremo alla fine perché potrebbe succedere ancora molto, anche inaspettato. FORZA RAGAZZI, con cuore e coraggio !!!!!

 


<< Torna alla home page